La Tanzanite

La Tanzanite

Il nome Tanzanite le venne dato dalla maison Tiffany in onore dello Stato in cui la gemma fu scoperta. Gli unici giacimenti al mondo si trovano nel nord della Tanzania, in Africa, un continente dal quale molte splendide e belle pietre trovano la loro via sui mercati mondiali.
Lo standard di purezza della tanzanite è di solito eye-clean (senza inclusioni visibili quando la gemma è esaminata a occhio nudo da una distanza di 15 cm) e può presentare un buon grado di purezza sotto la lente ad ingrandimento. Questo è un aspetto importante, perché un’elevata trasparenza e l’assenza di inclusioni accentua i suoi incantevoli colori, che sono il segno distintivo di questa gemma.

E’ considerata tra le gemme più rare al mondo, addirittura mille volte più rara del diamante, e si stima che tra pochi decenni l’unico giacimento al mondo terminerà le sue riserve.

Storia e leggenda

Il processo di formazione della tanzanite, per compiersi, ha impiegato oltre 500 milioni di anni, ma la scoperta della pietra risale agli anni Sessanta, anche se non venne riconosciuta subito quale varietà della zoisite. Secondo la tradizione Masai, sarà possibile trovare ancora pietre di tanzanite fino a quando i grandi animali continueranno a camminare sulla Terra.

La pietra è molto legata alla cultura e alle tradizioni Masai, che ritengono il blu un colore sacro. Ancora oggi, alle donne Masai che partoriscono vengono offerte in dono pietre di Tanzanite in segno di buon augurio e di fortuna.

La cura

La tanzanite deve essere indossata con cura, e la pulizia deve essere effettuata con delicatezza, per evitare spaccature e scheggiature, non deve essere mai pulita con gli ultrasuoni e non deve entrare in contatto con acidi. Non bisogna sottoporre la tanzanite a drastici cambiamenti di temperatura, in quanto potrebbe subire dei danni.

Chiunque acquisti una gemma così magica vuole distinguersi dalla massa. Indossarla significa comunicare autostima e individualismo. Il giacimento principale di questa gemma si sta lentamente esaurendo e questo la rende ancora più preziosa e desiderabile. Dopo tutto, il desiderio di possedere qualcosa di unico e raro è sempre stato un criterio decisivo per stimare il valore delle gemme speciali.